Politica

Arresti preventivi, fascismo alle porte

Arresti preventivi, fascismo alle porte

E ci mancava solo Gasparri. «Serve una vasta e decisa azione preventiva» ha sentenziato il presidente dei senatori del Pdl. Il riferimento è alle manifestazioni previste per mercoledì, giorno in cui potrebbe essere approvata in via definitiva la riforma dell’Università. Azione preventiva.  Preventiva rispetto a cosa? Le forze di polizia e la magistratura – in uno Stato democratico, s’intende – perseguono reati già commessi, non fanno processi alle intenzioni, non agiscono preventivamente. Forse che Gasparri nasconde in cantina (l’accostamento me l’ha suggerito un amico) dei precog tipo quelli di «Minority Report» in grado di prevedere i crimini? Scartando questa ipotesi fantascientifica, la sola interpretazione possibile delle parole di Gasparri  porta dritto dritto fuori dalla democrazia e fa precipitare  verso un concreto rischio di fascismo. Gasparri infatti indica anche i criteri con cui identificare i futuri autori di crimini: «Si sa chi c’è dietro la violenza scoppiata a Roma. Tutti i centri sociali i cui nomi sono ben noti città per città». Dunque la strada è quella di una bella retata preventiva nei centri sociali. E con quali criteri si sceglieranno i capri espiatori? Saranno forse i più capelloni? O i più radicali? O coloro che osano mettere in discussione con più forza l’attuale regime sociale, economico e politico?
Qualcuno ha previsto che un regime, quando è al tramonto, spesso diventa più feroce e antidemocratico. Noi speriamo che le parole di Gasparri cadano nel vuoto e che le forze di polizia – che devono servire la Repubblica e la Costituzione e non il potere di turno – non si prestino a questo pericolosissimo gioco. L’Italia democratica è chiamata a vigilare.

Tags

3 Commenti

  • "La Quinta Legge Fondamentale afferma che:
    La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista.
    Il corollario della legge è che:
    Lo stupido è più pericoloso del bandito."
    Carlo M. Cipolla, Le leggi fondamentali della stupidità umana. In: Allegro ma non troppo. il Mulino, 1988.

Clicca qui per lasciare un commento

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di animabella

Subscribe

* indicates required

Seguimi sui social

Chi sono

Sono caporedattrice di "MicroMega". Ho studiato filosofia e ho scritto "Non c'è fede che tenga. Manifesto laico contro il multiculturalismo" (Feltrinelli, 2018); "La Terra è rotonda. Kant, Kelsen e la prospettiva cosmopolitica" (Mimesis edizioni, 2015). Mi occupo principalmente di diritti civili, laicità e femminismo. Vivo a Francoforte sul Meno. Per contattarmi potete scrivere a cinziasciuto@animabella.it

Ich bin Journalistin und Autorin. Ich habe in Rom und Berlin Philosophie studiert und an der Sapienza Universität in Rom promoviert. Ich bin leitende Redakteurin bei der italienischen Zeitschrift für Philosophie und Politik „MicroMega“ und schreibe auch für einige deutschen Medien, u. a. "Die Tageszeitung" und "Faustkultur". Auf meinem Blog „animabella.it“ schreibe ich zu Säkularismus, Frauenrechten, Multikulturalismus und Fragen der Bioethik. Ich habe zwei Bücher geschrieben: "Die Fallen des Multikulturalismus. Laizität und Menschenrechte in einer vielfältigen Gesellschaft" (Rotpunktverlag, 2020; Originalausgabe auf Italienisch Feltrinelli 2018) und „La Terra è rotonda. Kant, Kelsen e la prospettiva cosmopolitica“ (Mimesis Edizioni, Milano 2015). Ich lebe mit meiner Familie in Frankfurt am Main.

Sie können mich unter dieser E-Mail erreichen: cinziasciuto@animabella.it