Diritti Politica

Cosa c’entra Luxuria?

Quando il gioco si fa sporco, i giocatori incattiviti e abituati ai colpi bassi le provano tutte e, quando si trovano di fronte avversari incapaci di ribattere colpo su colpo, di solito ce l’hanno vinta. Accade spesso che nelle ultime settimane i berluscones-bava-alla-bocca-e-occhi-iniettati-di-sangue, da ultimo Francesco Storace ieri sera ad Annozero, tirino in ballo Vladimir Luxuria e Cicciolina, come i cavoli a merenda, per «dimostrare» che la sinistra è diventata bacchettona solo adesso che è la Minetti la pietra dello scandalo. Esplicitiamo il ragionamento: voi – sinistra e Radicali – avete portato in parlamento, nell’ordine, prima una pornostar e poi una transessuale, quindi (consecutio ineccepibile) non avete diritto di parlare se noi per una volta facciamo fare carriera politica a una che ha elargito i suoi favori al presidente del Consiglio. Alla scuola elementare insegnavano (mi auguro che lo insegnino ancora) che non si possono fare confronti tra unità non omogenee: ecco, il paragone è talmente campato per aria che il ragionamento logico si rifiuta persino di entrare nel merito. Con il grave risultato, però, di lasciare spazio a queste evocazioni suggestive, completamente infondate, ma che lanciate così, nell’etere, tra una Lorenzin e una Serracchiani, centrano il bersaglio: instillare nell’opinione pubblica il dubbio che, in effetti, questa sinistra un po’ bacchettona è.

E allora tocca entrarci, nel merito. La più importante, macroscopica, capitale differenza è che né Cicciolina né Luxuria hanno elargito favori di nessuna natura a nessun potente di turno per ottenere il loro posto in parlamento. E questo dovrebbe bastare. Entrambe sono state scelte per ragioni, condivisibili o meno, esclusivamente politiche, ossia perché le si riteneva adatte a portare avanti determinate battaglie politiche. Se poi lo fossero o meno, poco importa. Quel che rileva qui sono le ragioni e le modalità con cui hanno intrapreso la loro carriera politica. Un’animabella come me non può non tenere in grande considerazione le forme, che sono l’anima e la sostanza della democrazia liberale.
Cicciolina, che ebbe la fortuna di competere alle elezioni con una legge elettorale diversa dal porcellum, raccolse addirittura 20 mila preferenze. La loro elezione dimostra esattamente il contrario di quello che vorrebbero Storace&co.: e cioé che le storie personali sono fondamentali nella battaglia politica, che la competizione politica è fatta anche da persone che combattono in prima persona, con la loro stessa testimonianza di vita, battaglie politiche e non da giovani avvenenti catapultate in consigli regionali per chissà quali ragioni (la laurea con 110 e lode, le assicuro signor Primo ministro, è un requisito condiviso da centinaia di migliaia di giovani).
E allora qui torna il punto centrale della questione, il motivo per il quale la manfrina delle «vicende private» è semplicemente ridicola. La chiave di lettura fondamentale di tutta la vicenda, infatti, è  che si tratta di rapporti di potere. E quando si parla di potere, si parla di politica ossia di questioni squisitamente pubbliche. Quando poi i rapporti di potere in questione sono rapporti tra un maschio (molto) potente e schiere di giovanissime donne prive di qualsiasi, pur minimo, potere (se non quello, forse, della seduzione), la retorica della libertà di ciascuno di fare del proprio corpo quel che vuole ha il sapore amaro della consapevole menzogna.

2 Commenti

  • tra l'altro è sfuggito ieri sera al sig. Storace e ai suoi interlocutori che in questo paese con il codice penale ancora disponibile è ancora reato fare apoteosi di reato come lo stesso ha fatto confessando di ricevere telefonate per sistemare la gente e dando seguito alle richieste…insomma il trionfo della bustarella.

  • Buongiorno,
    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a figurare tra le pagine del nostro magazine e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti,

    Silvia

    silvia [at] paperblog.com
    Responsabile Comunicazione Paperblog Italia
    http://it.paperblog.com

Clicca qui per lasciare un commento

Rispondi a Antonio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di animabella

Subscribe

* indicates required

Seguimi sui social

Chi sono

Sono caporedattrice di "MicroMega". Ho studiato filosofia e ho scritto "Non c'è fede che tenga. Manifesto laico contro il multiculturalismo" (Feltrinelli, 2018); "La Terra è rotonda. Kant, Kelsen e la prospettiva cosmopolitica" (Mimesis edizioni, 2015). Mi occupo principalmente di diritti civili, laicità e femminismo. Vivo a Francoforte sul Meno. Per contattarmi potete scrivere a cinziasciuto@animabella.it

Ich bin Journalistin und Autorin. Ich habe in Rom und Berlin Philosophie studiert und an der Sapienza Universität in Rom promoviert. Ich bin leitende Redakteurin bei der italienischen Zeitschrift für Philosophie und Politik „MicroMega“ und schreibe auch für einige deutschen Medien, u. a. "Die Tageszeitung" und "Faustkultur". Auf meinem Blog „animabella.it“ schreibe ich zu Säkularismus, Frauenrechten, Multikulturalismus und Fragen der Bioethik. Ich habe zwei Bücher geschrieben: "Die Fallen des Multikulturalismus. Laizität und Menschenrechte in einer vielfältigen Gesellschaft" (Rotpunktverlag, 2020; Originalausgabe auf Italienisch Feltrinelli 2018) und „La Terra è rotonda. Kant, Kelsen e la prospettiva cosmopolitica“ (Mimesis Edizioni, Milano 2015). Ich lebe mit meiner Familie in Frankfurt am Main.

Sie können mich unter dieser E-Mail erreichen: cinziasciuto@animabella.it