Laicità NON C'È FEDE CHE TENGA

PROF. DECAPITATO IN FRANCIA DA UN ESTREMISTA ISLAMICO: NON POSSIAMO PIÙ PERMETTERCI IL LUSSO DELL’INDIFFERENZA

Venerdì scorso un professore francese è stato decapitato per aver mostrato alcune vignette su Maometto in classe.

Un professore. Decapitato. Per delle vignette.

L’orribile esecuzione di Samuel Paty – assassinato in pieno giorno da Abdullakh Anzorov, un ragazzo russo ceceno di 18 anni, che dopo l’assassinio è stato a sua volta ucciso dalla polizia – non è un fulmine a ciel sereno, un fatto isolato privo di qualsivoglia collegamento, il gesto di un esaltato che viene dal nulla. Quello che è accaduto venerdì a Conflans – una cittadina dell’ Île-de-France, oggi addolorata e sbigottita – è l’ultimo anello di una catena di eventi che si sono succeduti nei giorni precedenti, a loro volta da iscrivere in una cornice ancora più ampia. E sono questi eventi e questa cornice ad essere dal punto di vista politico e sociale molto più allarmanti del singolo, finale gesto omicida.

 

Samuel Paty era un docente di storia e geografia. Negli scorsi giorni, in concomitanza con l’inizio del processo per l’attentato a Charlie Hebdo il professore, che insegnava anche educazione civica, ha voluto dedicare una lezione a uno dei valori fondanti della Repubblica francese, la libertà di espressione, e per farlo ha anche mostrato alcune delle vignette pubblicate dal giornale satirico francese che ritraevano Maometto. D’altro canto come fai a raccontare la vicenda di Charlie Hebdo senza spiegare cos’è che ha provocato il massacro della redazione nel gennaio del 2015? In classe ci sono anche degli studenti musulmani, il prof. Paty naturalmente lo sa e per questo avvisa che sta per mostrare quelle immagini, dando la possibilità a chi volesse di uscire dall’aula, ma non intende rinunciare alla sua lezione. E perché dovrebbe, d’altronde? La libertà di espressione è un valore che dovrebbe stare a cuore a tutti i cittadini francesi a prescindere dalla loro fede, no? E infatti diversi degli studenti musulmani ascoltano e apprezzano la lezione del prof., molto amato a scuola, esattamente come i loro compagni.

 

A non apprezzare per nulla invece è il padre di una delle studentesse che nei giorni immediatamente successivi alla lezione di Paty pubblica sui social nome e cognome del docente, insieme all’indirizzo della scuola, invocando alla mobilitazione per bloccarne le lezioni. Il genitore ha addirittura denunciato il professore per diffusione di materiale pornografico e si è recato personalmente alla dirigenza della scuola per chiedere l’allontanamento dell’insegnante. Ad accompagnarlo in questa occasione è Abdelhakim Sefrioui, un esponente dell’islam più radicale, già noto per le sue posizioni antisemite e fondamentaliste.

 

Sia Sefrioui sia il padre dell’alunna sono stati arrestati, insieme ad alcuni familiari dell’assassino. Ad oggi sono 11 le persone poste in arresto per l’uccisione di Paty. Naturalmente sarà da chiarire il ruolo di ciascuno nella dinamica dei fatti, quello che invece è straordinariamente chiaro è che Paty era da giorni (se non da mesi) al centro di una martellante campagna di delegittimazione da parte di alcune famiglie musulmane estremiste e che né la scuola, né la polizia (a cui Paty negli ultimi giorni si era rivolto perché spaventato dalle minacce ricevute) né il resto della comunità musulmana sono riusciti a proteggerlo.

 

A ogni attentato di matrice islamica si rinnova il solito, trito e francamente ormai insopportabile copione: la condanna del fatto e la presa di distanza dall’assassino da parte delle organizzazioni islamiche. “Quello che è accaduto non ha niente a che fare con l’islam” e “Non si può accusare un’intera comunità del gesto di uno solo” sono il ritornello intonato non solo dai musulmani, ma anche da tanta parte della sinistra europea. Che le responsabilità penali siano individuali è lapalissiano e in tribunale si accerteranno quelle che hanno portato all’uccisione di Paty. Ma quello che interessa è capire quali e di chi siano le responsabilità di tutto quello che è accaduto prima.  Dissociarsi da chi uccide è ovvio, ma è anche fin troppo facile.

 

Meno facile, ma doveroso, sarebbe dissociarsi da tutte quelle famiglie che fanno pressioni sugli insegnanti per modificare le loro lezioni, che vietano alle figlie di partecipare a determinate lezioni (così facendo violando il loro diritto allo studio), che impongono (non necessariamente con la violenza, che è sempre e solo l’ultimo gradino della piramide della coercizione) alle bambine il velo, che pretendono leggi speciali, per esempio una deroga su quella che in Francia vieta qualunque simbolo religioso negli spazi pubblici (e che la retorica multiculturalista spaccia per “legge contro il velo”: una disonesta misitificazione della realtà).

 

Meno facile, ma doveroso, sarebbe stato non cavillare sull’opportunità o meno per un giornale di pubblicare vignette che taluni possono ritenere offensive e rivendicare invece la libertà che qualcun altro pubblichi persino quello che mi offende, invece di avventurarsi in gimkane argomentative a cui si è volentieri unito persino papa Francesco. Se per aver pubblicato delle vignette dei giornalisti sono stati massacrati, vuol dire che non possiamo permetterci il lusso di discutere del contenuto di quelle vignette.

 

Meno facile, ma doveroso,  sarebbe stato reagire immediatamente ai post di quel genitore, manifestando in maniera pubblica e ad alta voce la propria solidarietà a quel docente, marcando il terreno, occupando sia fisicamente sia ideologicamente lo spazio pubblico, magari indossando magliette con le vignette di Maometto, che Allah è troppo grande per offendersi per dei disegni.

 

E invece lo spazio pubblico viene sistematicamente disertato con una semplice alzata di spalle (“io non c’entro nulla, non devo giustificarmi di nulla”) e dunque inevitabilmente lasciato alla mercé dei fondamentalisti. Nel giugno del 2017, in seguito all’attentato sul London Bridge che provocò 8 morti e 48 feriti, la sociologa tedesca Lamya Kaddor, apprezzata studiosa di islam e fondatrice dell’Alleanza dei musulmani liberali in Germania, aveva promosso a Colonia una manifestazione il cui motto era #NichtMitUns – Muslime und Freunde gegen Gewalt und Terror [#nonconnoi – Musulmani e amici contro la violenza e il terrore]. La manifestazione è stata un vero e proprio flop (una delle maggiori organizzazioni islamiche tedesche aveva invitato a disertarla) e molti musulmani intervistati hanno spiegato la loro assenza proprio con l’argomento “non ho bisogno di giustificarmi in quanto musulmano”. Ma manifestare pubblicamente il proprio posizionamento rispetto a un problema che ci riguarda da vicino, anche se non ne siamo i diretti responsabili, è un segnale innanzitutto nei confronti di coloro che del nostro silenzio approfittano, in questo caso i fondamentalisti islamici. Da siciliana, conosco bene questo meccanismo: “io non sono mafiosa, dunque la mafia non è un mio problema” è stato per anni la cornice perfetta che ha fatto prosperare la mafia. Solo quando un gran numero di siciliani si è reso conto che la mafia ci riguarda anche se non siamo mafiosi e che è nostra responsabilità agire quotidianamente denunciando e non mettendo la testa sotto la sabbia che la lotta alla mafia anche da parte delle forze dell’ordine ha potuto avere una qualche efficacia.

 

E dunque sì, i musulmani hanno una precisa responsabilità nell’impedire che la narrazione fondamentalista prenda sempre più piede. Oggi sarebbe urgente che i musulmani di Francia raccogliessero l’invito che ha loro rivolto Macrón in un recente, importante discorso, diventando i primi, orgogliosi alleati nella difesa dei valori della République.

 

 

 

8 Commenti

  • Pienamente d’accordo, ma aggiungo e sottolineo che, di fronte a un fatto di tale gravità (l’orrenda decapitazione di un bravo insegnante che aveva fatto solo il suo dovere!!), che non ha giustificazione alcuna, e rappresenta un palese e minaccioso attacco contro la libertà di insegnamento e la libertà di pensiero e di valutazione anche critica dell’Islam come di qualunque ideologia o religione, non ho sentito (o forse mi è sfuggito?) nessuna dichiarazione di condanna da parte di quegli esponenti di pseudo -sinistra che tanto hanno tuonato e si sono inginocchiati in Parlamento e altrove per manifestare la condanna dell’omicidio, pur esecrabile, di un malcapitato uomo di pelle nera in fase di arresto per mano di un poliziotto americano. Trovo vergognoso questo silenzio e questa ennesima dimostrazione di indifferenza e “sottomissione” culturale e politica (per paura? per opportunismo derivato da non so quale interesse?) dei nostri politici di fronte agli atti criminali ricorrenti e alla diffusione sempre più preoccupante e pericolosa in Europa del fondamentalismo islamico.

    • Sono d’accordo con lei. Da donna nera, onestamente, ho deliberatamente scelto di non partecipare alle manifestazioni di Roma della Black Lives Matter in onore di George Floyd, né ho condiviso i molti parlamentari o le seconde generazioni che si sono inginocchiate quel giorno lì, senza però dare vita a discussioni costruttive.
      L’articolo ha toccato moltissime mie corde, sia personali che professionali (sono una mediatrice socio – linguistica e mediatrice familiare), e lavoro in un ambiente fortemente di sinistra, dove spesso non si dicono determinate cose, per paura di offendere l’altro, magari già razzializzato.
      Probabilmente per un imprinting che mi è stato dato alla facoltà di Legge, io sono sempre stata portata a pensare che le leggi sono leggi e vanno rispettate da tutti.
      Questo significa che il fatto di dire “porti aperti a tutti a tutte” non fa di noi delle persone più di sinistra, dal momento che poi ci ritroviamo dei disgraziati a chiedere l’elemosina davanti al supermercato o, peggio, finire nelle maglie della criminalità organizzata.
      Io sono nata in Italia negli anni ’90, un periodo politico e storico in cui andava di moda per una certa sinistra affermare “siamo tutti uguali”. Probabilmente non c’era della cattiveria, ma una totale deresponsabilizzazione, quella sì. Oggi, a furia di dire che siamo tutti uguali, ci siamo finalmente resi conto che no, non siamo tutti uguali, e che le differenze vanno tutelate, rispettate, ma anche seguite.
      In quanto mediatrice, se io mi trovo di fronte una donna pakistana che viene picchiata regolarmente dal marito, non posso girarmi dall’altra parte e dire “vabbè, al Paese loro fanno così, io non posso farci nulla”. Questo sarebbe un enorme fallimento per me, come persona e come professionista. Noi tutti e tutte abbiamo delle responsabilità, sia le persone che lavorano nel terzo settore che spesso pensano che a condannare la violenza fisica e verbale faccia di noi dei razzisti, sia la politica, troppe volte buonista e assistenzialista, che ha creato, e crea, più danni che altro.

  • Gentile dottoressa Sciuto,
    Condivido per intero il suo intervento. Più in generale, mi riconosco nelle tesi da lei sostenute nel bellissimo “Non c’è fede che tenga”.
    (Da allievo e traduttore di A. Honneth, credo che una ricalibratura in senso universalitico della sua teoria del riconoscimento non guasterebbe. Il vecchio Habermas ha ancora parecchio da dire, al riguardo).

    • Gentile Carlo,
      a Honneth, che ho avuto il piacere di conoscere, ho spedito una copia del libro, vediamo se e cosa ne dice!

  • […] La pronta reazione del paese, che ha dimostrato con grandi manifestazioni a Parigi e in altre città la risposta del tessuto culturale e politico laico, insieme alle prese di posizione del presidente Macron contro il multiculturalismo relativista e il  separatismo su base religiosa fanno ben sperare, ma il problema della presenza dell’integralismo islamista resta gravissimo, in Francia come in Europa. […]

    • nell’islam non esiste nessuna separazione tra la sfera religiosa e quella civile, il problema come evidenziato dall’autrice è tutto qui, continuare ad insistere sull’integralismo islamista non serve e non porterà ad alcun risultato.

  • ottime parole..ma soltanto parole che ormai non scuotono più nessuno perche ci anno ridotti a sudditi impotenti..stiamo facendo la fine che in Natura fanno tutti i deboli “scenderemo nel gorgo muti”…

Clicca qui per lasciare un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di animabella

Subscribe

* indicates required

Seguimi sui social

Chi sono

Sono redattrice di "MicroMega" e collaboratrice del portale europeo "Newsmavens.com". Ho studiato filosofia e ho scritto "Non c'è fede che tenga. Manifesto laico contro il multiculturalismo" (Feltrinelli, 2018); "La Terra è rotonda. Kant, Kelsen e la prospettiva cosmopolitica" (Mimesis edizioni, 2015). Mi occupo principalmente di diritti civili, laicità e femminismo. Vivo e lavoro fra Roma e Francoforte. Per contattarmi potete scrivere a cinziasciuto@animabella.it